Blog

HomeInfo utiliPinacoteca Nazionale di Bologna

Pinacoteca Nazionale di Bologna

Nelle vicinanze delle Due Torri è situata la Pinacoteca Nazionale di Bolgona, dove una volta risiedeva il Noviziato Gesuita di Sant’Ignazio, che vu eretto nella seconda metà del 1600, con lo scopo di accogliere giovani che volevano fare parte della Compagnia di Gesù.

All’interno nel Palazzo si disloca attualmente anche l’Accademia di Belle Arti e la Soprintendenza per il Patrimonio Storico Artistico ed Etnoantropologico, che hanno lo scopo di esporre, tutelare, conservare e studiare il patrimonio storico culturale.

Monsignor Francesco Zambeccari nel 1762, donò i propri dipinti all’Accademia Clementina, dando inizio alla collezione, che successivamente venne arricchita di altre donazioni.

Con le truppe napoleoniche molte opere furono inviate a Parigi e a Milano, nel Musée Napoleon e quella che successivamente sarà l’Accademia di Brera, in seguito alla caduta dell’impero francese rientrarono alla Quadreria, che poi divenne Pinacoteca e sulla base di questa raccolta nacque il primo catalogo con 274 dipinti nel 1827.

La Pinacoteca inizialmente deteneva prevalentemente opere del patrimonio religioso, con il passare del tempo si arricchì di opere eseguite per laici e patrizi, divenendo nel tempo una delle più preziose raccolte d’arte europee.

Apre al pubblico nel 1885 con un’esposizione articolata in sezioni suddivise storicamente per scuole che si dividono per i seguenti periodi:

  • XIII e XIV secolo (Vitale di Bologna, ecc.),
  • periodo del Rinascimento (Raffaello, Perugino, Tintoretto, ecc.),
  • Manierismo (Giorgio Vasari, Bartolomeo Cesi, ecc.),
  • Età Barocca (i Carracci, il Guercino, ecc.).

Nella Sala dei dipinti sono conservati dipinti seicenteschi di grande formato.

Attualmente presenta 30 sale espositive, le Sale delle Belle Arti e locali attrezzati situati nel piano interrato, dove vengono accolte mostre temporanee, attività didattiche, seminari e convegni.